Maria Assunta
Scrivici

info@ilbarattoloecotronei

Centro Estivo Cotronei CO.PRO.SS.

Condividi

Progetto Centro Estivo Cotronei

Percorsi di sostenibilità ambientale

Il Barattolo Ecotronei a cura di: Giovanni Vizza, Maria Assunta Albi e Noemi Papaleo.

 

L’esperienza presso il Centro Estivo promosso dalla Copross in località Trepidò presso lo stabile del Museo dell’Acqua e dell’Energia ci ha messo di fronte a dei ragazzini particolarmente attenti rispetto alle tematiche proposte.

Viviamo un particolare momento storico che ci chiama ad assumere atteggiamenti e stili di vita corretti e consoni e ci induce a virare rispetto a comportamenti che sono stati finora poco rispettosi della natura e delle sue esigenze. Ed i giovanissimi devono conoscere necessariamente questa storia affinché possano assumere con consapevolezza e coscienza ed in piena autonomia la personale responsabilità di essere fautori del loro destino. I nostri ragazzi sanno quello che vogliono ed hanno la sensibilità giusta per fare delle scelte corrette.

In virtù di questa determinante congettura, nelle tre giornate, si sono date le basi per instillare nei giovanissimi un corretto approccio verso le tematiche ambientali, nel loro aspetto più generale, rispetto ai cambiamenti climatici che riguardano tutto il nostro pianeta, ma, in particolare, si è voluto soffermare l’attenzione sul nostro territorio, sulle sue specificità e sulla sua ricchissima biodiversità.

Per stimolare la loro curiosità rispetto al patrimonio naturalistico nel quale abbiamo la fortuna di vivere siamo partiti da un’escursione guidata sul territorio, da Giovanni che ha saputo trovare stimoli, spunti e giuste modalità per interessare i ragazzi. L’obiettivo principale è stato quello di far comprendere ai bambini che il bosco va rispettato e tutelato, che è un amico da custodire e che va ringraziato perché gli alberi ci aiutano in tante funzioni della nostra vita. Quindi si è mostrato un mondo semisconosciuto all’interno del quale essi hanno potuto scoprire relazioni diverse da quelle umane, ma simili, arrivando a comprendere che gli alberi, così come gli esseri umani dispongono di sensi e che li utilizzano per relazionarsi tra loro.

La seconda giornata li ha visti protagonisti nella classificazione degli elementi naturali raccolti durante l’escursione. Hanno potuto così, attraverso il materiale del bosco, non solo imparare e ricordare i nomi degli alberi, ma comprendere il loro carattere e le loro specificità; hanno potuto confrontarsi con le abitudini degli animali e capire che il bosco è la casa per tutti; hanno scoperto che dall’utilizzo consapevole dei materiali del bosco vengono fuori creazioni di ogni genere, perciò si è parlato dell’importanza del riciclo creativo e del riuso dei materiali affinché si possa instaurare la precisa coscienza che le risorse del pianeta non sono infinite; hanno imparato cos’è l’equilibrio non solo nella costruzione di una giostrina in cui due contrappesi consentono a due elementi di ruotare e “rincorrersi”, ma soprattutto cosa significa utilizzarlo nella vita, nella quotidianità e come esso sia la chiave di lettura per una personalità migliore.

Con la terza giornata i ragazzi si sono misurati con la loro creatività descrittiva e di scrittura partendo dall’osservazione. Sono stati invitati a ricordare ogni particolare dell’escursione e da ciò che hanno visto ed imparato hanno lavorato con creatività e fantasia alla scrittura di una storia, alla sua illustrazione e alla sua “messa in scena” attraverso il teatrino giapponese del kamishibai.